clicca qui per inviare una email

0422/1745981

Obiettivo di Fondapi è creare per gli aderenti una pensione integrativa da aggiungere alle sempre più esigue pensione di base.

Tuttavia Fondapi non eroga solo pensioni integrative. Eroga anche altre prestazioni tra cui:

Pensione integrativa per spese non previste e altre esigenze
  • anticipazioni (per spese sanitarie, per acquisto o ristrutturazione della prima casa e per ulteriori esigenze da non giustificare)
  • riscatti totali e parziali, ad esempio a seguito di dimissioni o licenziamento
  • liquidazioni per pensionamento in capitale.

Due tipologie di pensione integrativa

Prima di parlare di pensione integrativa, è opportuno fare la distinzione tra:

  • Prestazioni in capitale: sono liquidazioni realizzate dal fondo pensione che si concretizzano con una sola liquidazione, senza alcun frazionamento degli importi nel tempo. È il caso delle anticipazioni, dei riscatti ma anche di moltissime liquidazioni per pensionamento che vengono liquidate da Fondapi in circa 70-80 giorni.
  • Prestazioni in rendita: sono le pensioni integrative, cioè liquidazioni periodiche che vengono erogate in favore di chi ha aderito a Fondapi. È il caso di alcune liquidazioni per pensionamento che vengono erogate per tutta la vita del lavoratore e della RITA (Rendita integrativa temporanea anticipata). Una rendita che può essere chiesta dai lavoratori prossimi alla pensione ma rimasti senza lavoro e che cessa di essere erogata alla maturazione dei requisiti pensionistici.

La pensione integrativa può consistere in una prestazione in rendita che viene erogata periodicamente al pensionato fin quando è in vita. Esattamente come avviene con la pensione di base (ad esempio dell’INPS).

La pensione integrativa in rendita è sempre obbligatoria?

No. La rendita è obbligatoria solo per coloro che hanno maturato posizioni contributive più elevate. Bisogna confrontare il risparmio pensionistico maturato con gli importi riportati nella tabella dei valori soglia qui disponibile. Tali importi differiscono sulla base:

  • del sesso
  • dell’età del soggetto che richiede la liquidazione
  • del valore dell’assegno sociale, il cui ricalcolo è annuale.

Di conseguenza anche i valori soglia verranno ricalcolati annualmente e subiranno variazioni di entità, tuttavia, trascurabile.

Se la somma maturata è inferiore rispetto al valore soglia, il pensionato sarà libero di ricevere l’intera liquidazione in capitale. Quindi senza alcun frazionamento (prestazione in capitale, nessuna rendita).

Se invece la somma maturata è superiore al valore soglia, il pensionato avrà l’obbligo di convertire almeno la metà in rendita. Queste somme diventeranno quindi pensione integrativa.

Personalizzare rate e frequenza della tua pensione integrativa

Al momento della maturazione del diritto a pensione l’aderente che vorrà o avrà l’obbligo a chiedere la rendita perché ha maturato un importo superiore al valore soglia, dovrà scegliere:

  • la frequenza di erogazione della rendita (ogni quanto tempo ricevere la pensione integrativa)
  • la rendita più adatta alle sue esigenze tra le sei differenti tipologie offerte da Fondapi. Ogni tipologia di rendita prevede condizioni e garanzie differenti.
    Ad esempio la rendita reversibile, che in caso di decesso del pensionato continuerà a essere erogata in favore di un altro soggetto.

Cliccando qui potrai prendere visione delle diverse tipologie di rendite, le frequenze di erogazioni ed alcuni esempi di rendita 

Se vuoi fare alcune proiezioni dei tuoi redditi in età di pensione, puoi utilizzare i due strumenti sotto riportati:

Sei prossimo alla pensione?

Se ti mancano meno di 6 mesi alla pensione e vuoi essere contattato da Fondapi per una consulenza personalizzata scrivi una e-mail a pensione@fondapi.it indicando il tuo nominativo ed un tuo recapito telefonico. Sarai ricontattato al più presto!

Documenti correlati: